Posto a 877 m. d’altitudine, il Comune di Carapelle Calvisio sorge sulle colline calcaree della Valle Tritana, a cinque chilometri da Castelvecchio Calvisio. Della zona si hanno molte citazioni nel Chronicon Volturnense e anche in varie mappe disegnate dal Monaco Giovanni. Nell’VIII secolo il borgo era il centro agricolo più importante della zona e il suo castello dominava la porzione occidentale della Valle Tritana. Carapelle è definita nei documenti come ‹‹casale de populo ipso Carapellensi›› (779) e come ‹‹villa›› (998), a differenza di Castelvecchio Calvisio, nominato come rifugio temporaneo, e Calascio, che appare solo come toponimo, o S. Stefano, che non è menzionato.  Fino al XIV secolo è stato centro di una certa rilevanza nella zona, com’è testimoniato dalla frequenza con cui il toponimo appare nei documenti ufficiali. In uno di questi, precisamente il placito del 2 marzo 779, è nominata per la prima volta la Baronia di Carapelle, della quale, oltre a Carapelle stessa, facevano parte Castelvecchio Calvisio, Calascio, S. Stefano di Sessanio e Castel del Monte. Il modello insediativo sparso, con unico punto di riferimento proprio la villa di Carapelle, permane fino al ‘300, quando il borgo assume l’aspetto di vero e proprio centro fortificato cinto da mura, come attualmente osservabile. 

Si tratta di un borgo interessante per il carattere unitario della sua architettura minore. Il nucleo più antico è posto sulla sommità di un colle e il circuito murario comprendeva in origine anche alcuni bastioni di rinforzo, a pianta rettangolare o semicircolare. Uno di questi è oggi inglobato nella muratura nord – est della chiesa madre. Tipiche del tessuto urbano di Carapelle sono le case torri, costituite da un seminterrato e tre o quattro piani sovrapposti.  Di rilievo storico – artistico sono gli edifici sacri, come la parrocchiale del XVI secolo, dedicata a Santa Maria, la chiesa cinquecentesca di San Francesco, che conserva al suo interno un altare barocco, un soffitto a cassettoni e una tela della fine del Cinquecento, e la chiesetta rurale di San Cristoforo, di cui attualmente rimangono solo dei ruderi, situata nelle campagne verso Ofena. Fuori dell’abitato, sulla strada che conduce a Castelvecchio Calvisio, si trova la chiesa di San Vittorino, edificata tra il XII e il XIII secolo, che conserva nella zona absidale e nel portale laterale elementi decorativi in pietra, finemente lavorati.

Accettazione Gdpr

Accettazione Gdpr

Accettazione Gdpr

Accettazione Gdpr

Accettazione Gdpr

Accettazione Gdpr

Accettazione Gdpr

Accettazione Gdpr

Accettazione Gdpr

Cammino del Gran Sasso

Iscriviti ora alla Newsletter!

Ricevi tante informazioni utili, le tracce GPS del Cammino e info sui servizi convenzionati!

Grazie per esserti iscritto!

⛰️ Parti con noi sul #CamminodelGranSasso con i tour guidati di 5 giorni 💚

Grazie, la nostra segreteria ti contatterà al più presto!

Apri whatsapp
1
Hai bisogno di info? Scrivi qui...
Hai bisogno di info per il cammino? Scrivi qui...